Archivio mensile : luglio 2020

hb engineering incaricato per il nuovo „Portico” CityLife, Milano – designed by BIG

Holzner & Bertagnolli Engineering srl, Manens - Tifs SPA e Faces Engineering srl sono state incaricate da CityLife Spa di svolgere tutte le prestazioni ingegneristiche per le strutture e le facciate, nonché le impianti technici del nuovo progetto BIG, che nei prossimi anni completerà il quartiere CityLife di Milano.

La zona "Ex - Fiera" di Milano con 366.000m², uno dei più grandi interventi urbani in Europa, si arricchisce di un nuovo progetto architettonico.
BIG - Bjarke Ingels Group ha progettato l'ultima parte del Masterplan CityLife, in cui due edifici alti 105m e 53m sono collegati da un tetto sospeso lungo 140m per creare un portico urbano a CityLife: una vera e propria porta d'accesso da nord al quartiere, che apre la vista sulle altre tre torri: Torre Hadid, Torre Libeskind, Torre Isozaki.

Il nuovo complesso (già denominato „Portico") comprende uffici, un albergo, servizi e terrazze panoramiche.

In conformità con i più elevati standard internazionali, saranno sviluppate soluzioni costruttive efficienti e processi di costruzione ottimizzati dal punto di vista ingegneristico.

Foto ©: hb engineering, BIG-Bjarke Ingels Group, CityLife Spa

Ampliamento magazzini Birra Forst Spa (BZ)

  • hb_forst_alg_00
  • hb_forst_alg_01
  • hb_forst_alg_02
  • hb_forst_alg_03
  • hb_forst_alg_04
  • hb_forst_alg_05
  • hb_forst_alg_06

Per poter garantire in futuro la sicurezza e la qualità della produzione nella misura abituale, la Birra Forst Spa intende effettuare importanti investimenti nelle cantine di stoccaggio.

I tetti dei magazzini esistenti sono stati completamente rimossi e sopra di essi è stato installato un soffitto di circa 1.600m2. Le 14 colonne in cemento armato di nuova costruzione al piano terra attraversano per intero i tre piani: composti da un magazzino alto 8 m, un livello di servizio (3,30 m) e una sala cisterne alta 18 m con 56 serbatoi di fermentazione e stoccaggio alti 10-17 m con un volume netto di 720 rispettivamente 1.700 hl.

Per l’esecuzione del lavoro, il calcestruzzo deve essere trasportato attraverso una pompa stazionaria lungo 50 metri per poter raggiungere il “concrete placing boom”. Dopodiché viene collocato nelle pareti prefabbricate e il solaio in calcestruzzo gettato in opera. Questo metodo viene utilizzato per la prima volta in Alto Adige.

Foto: © hb engineering